Amedeo Lia, l’ingegnere collezionista d’arte

La terza puntata è dedicata ad Amedeo Lia, un ingegnere e un imprenditore, pugliese di origine e spezzino di adozione. Considerato da Federico Zeri uno dei più grandi collezionisti europei del Novecento, grande appassionato di “fondi oro”, ha lasciato alla città le sue circa mille opere, nel museo che porta il suo nome

La terza puntata si può scaricare qui

L’immagine che accompagna questo post e la puntata del podcast è un “Autoritratto” del Pontormo. Foto Museo Civico “Amedeo Lia”, La Spezia.

La musica di accompagnamento è “It’s been a while” di Vlad Gluschenko

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up